Logo Università degli Studi di Milano



 
 
Notizie  

Il Programma PRIMA finanzia sei progetti dell'Università Statale

Obiettivo del Programma PRIMA è finanziare progetti di ricerca e innovazione per il miglioramento e l'ottimizzazione della gestione delle risorse idriche e dei sistemi agroalimentari su entrambe le sponde del mar Mediterraneo, ispirati anche dai principi di co-proprietà, interesse reciproco e vantaggi condivisi.

Lanciato nel 2018 nell'ambito della cooperazione Euro-Mediterranea, il Programma PRIMA riunisce 19 Paesi del bacino del Mediterraneo – Algeria, Croazia, Cipro, Egitto, Francia, Germania, Grecia, Israele, Italia, Giordania, Libano, Lussemburgo, Malta, Marocco, Portogallo, Slovenia, Spagna, Tunisia e Turchia – ed è finanziato attraverso una combinazione di fondi provenienti in parte dagli Stati aderenti (€274 milioni) e in parte dal programma Horizon 2020 (€220 milioni).

Le sei aree di sviluppo dei progetti dell’Università Statale finanziati da PRIMA (tutti in partenza nel 2019), sono: qualità del latte lungo l'intera filiera, adattamento al cambiamento climatico della coltivazione dell'orzo e delle colture frutticole tipiche dell'agricoltura mediterranea (pesco, mandorlo, albicocco, limone, vite, olivo), uso sostenibile dell'acqua nella coltivazione del riso, nuove strategie per proteggere i raccolti di fragoleproduzioni di cibo sempre più sostenibili attraverso l'uso di acqua salmastra e riciclo.

Tra i 6 progetti finanziati, 2 progetti presentati come partner portano la firma di docenti del Dipartimento di Scienze e Politiche Ambientali:
  • MED-BERRY - Developing new strategies to protect strawberry crop in Mediterranean countries
    Referente
    Dario Frisio, professore ordinario presso il dipartimento di Scienze e Politiche ambientali

     
  • SIMTAP - Self-sufficient Integrated Multi-Trophic AquaPonic systems for improving food production sustainability and brackish water use and recycling
    Referente
    Bacenetti Jacopo, ricercatore a tempo determinato (Lettera A) presso il dipartimento di Scienze e Politiche ambientali

 

 

04 febbraio 2019
Torna ad inizio pagina